Emblema della Repubblica Italiana

Consiglio Nazionale degli
Studenti Universitari

Ministero dell'Università e della Ricerca

2019-2022

Indice della pagina



25 giugno 2021

 

Roma lì 21/06/2021

All'attenzione dell'On. Ministra

Prof.ssa Maria Cristina Messa

Alla Segretaria Generale

Dott.ssa Letizia Maria letizia Melina

Ministero dell'Università e della Ricerca

e p.c.

 

 

Oggetto: Linee guida Didattica Integrata Digitale
IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI
VISTO il Decreto Ministeriale n. 8 del 2021;
VISTO il Decreto Ministeriale n. 6 del 2019;
VISTO il Decreto Ministeriale n. 635 del 2016;
CONSIDERATI gli stanziamenti del "Fondo per le esigenze emergenziali del sistema dell'Università,
delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica e degli enti di ricerca" dal Decreto
Cura Italia 2020, investiti allo scopo di garantire l'accesso da remoto a banche dati ed a risorse
bibliografiche, per l'acquisto di dispositivi digitali, per l'accesso a piattaforme digitali, finalizzati alla
ricerca o alla didattica a distanza;
CONSIDERATE le nuove risorse stanziate dal PNRR per la missione 4 "Istruzione e Ricerca" che
mira ad implementare il "Sostegno ai processi di innovazione e trasferimento tecnologico" e il
"
Potenziamento delle condizioni di supporto alla ricerca e all'innovazione";
CONSIDERATI gli investimenti su scala nazionale effettuati da parte delle singole università italiane
col fine di dotarsi di strumenti adeguati a garantire la didattica a distanza per via dell'emergenza
pandemica;
CONSIDERATI i benefits correlati a tale servizio, quali: possibilità di visionare nuovamente le
lezioni, flessibilità negli orari, maggiori possibilità di frequenza per studenti-lavoratori, caregiver ecc.
ecc.; garanzia quasi assoluta di poter fruire delle lezioni anche in casi di infortunio/malattia e/o altri
tipi di esigenze familiari/personali; supporto a distanza per gli studenti non in sede;
Ministero dell 'Università e della Ricerca
Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari
CHIEDE
che, in vista del probabile rientro in presenza durante il prossimo anno accademico, il Ministero
dell'Università e Ricerca fornisca agli Atenei, nell'arco del periodo estivo, delle Linee Guida per
integrare in maniera efficace la didattica tradizionale in presenza con i nuovi strumenti di didattica
digitale condivisi negli ultimi due anni accademici. Un tale sforzo dovrebbe andare nella direzione di
suggerire misure come:
-
l'utilizzo di piattaforme atte ad adeguare i metodi di insegnamento attraverso strumenti
didattici come le flipped classes, momenti di autoapprendimento in-distance individuali e
attività di apprendimento collettivo, mediante il rafforzamento degli strumenti e dei servizi
tecnologici complementari;
-
-
l'integrazione dei metodi didattici da parte dei docenti, che dovranno ricevere opportuno
supporto e formazione, specialmente per implementare l'utilizzo di metodologie didattiche
innovative in modo appropriato;
lo stanziamento di risorse aggiuntive adeguate a perseguire questi obiettivi.
Si ritiene necessario, infatti, dare seguito agli investimenti nell'ambito della digitalizzazione
impiegati negli ultimi due anni, col fine di rendere la didattica più innovativa, inclusiva e non
vanificare i passi in avanti operati in termini di innovazione digitale.
Si ritiene, dunque, opportuno:
-
prevedere il mantenimento delle attività a distanza quali: ricevimento docenti; servizi di
segreteria; accesso al materiale bibliografico, come supporto costante, e non opzionale. Questi
servizi sono da intendersi integrativi rispetto alle modalità di erogazione in front office
ordinarie, a tal fine è necessario un potenziamento delle risorse umane e tecniche;
che sia garantita la possibilità di continuare a seguire le lezioni online con la graduale
riapertura delle sedi universitarie;
-
Infine, si ritiene opportuno monitorare il livello di utilizzo di queste nuove modalità da parte delle
Università, con il contributo di questo Consiglio, per poterne valutare l'effettiva efficacia.
Il Presidente
Luigi Leone Chiapparino

Oggetto: Linee guida Didattica Integrata Digitale

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

VISTO il Decreto Ministeriale n. 8 del 2021;

VISTO il Decreto Ministeriale n. 6 del 2019;

VISTO il Decreto Ministeriale n. 635 del 2016;

CONSIDERATI gli stanziamenti del "Fondo per le esigenze emergenziali del sistema dell'Università, delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica e degli enti di ricerca" dal Decreto Cura Italia 2020, investiti allo scopo di garantire l'accesso da remoto a banche dati ed a risorsebibliografiche, per l'acquisto di dispositivi digitali, per l'accesso a piattaforme digitali, finalizzati alla ricerca o alla didattica a distanza;

CONSIDERATE le nuove risorse stanziate dal PNRR per la missione 4 "Istruzione e Ricerca" che mira ad implementare il "Sostegno ai processi di innovazione e trasferimento tecnologico" e il Potenziamento delle condizioni di supporto alla ricerca e all'innovazione";

CONSIDERATI gli investimenti su scala nazionale effettuati da parte delle singole università italiane col fine di dotarsi di strumenti adeguati a garantire la didattica a distanza per via dell'emergenza pandemica;

CONSIDERATI i benefits correlati a tale servizio, quali: possibilità di visionare nuovamente le lezioni, flessibilità negli orari, maggiori possibilità di frequenza per studenti-lavoratori, caregiver ecc. ecc.; garanzia quasi assoluta di poter fruire delle lezioni anche in casi di infortunio/malattia e/o altri tipi di esigenze familiari/personali; supporto a distanza per gli studenti non in sede;

CHIEDE

che, in vista del probabile rientro in presenza durante il prossimo anno accademico, il Ministero dell'Università e Ricerca fornisca agli Atenei, nell'arco del periodo estivo, delle Linee Guida per integrare in maniera efficace la didattica tradizionale in presenza con i nuovi strumenti di didattica digitale condivisi negli ultimi due anni accademici. Un tale sforzo dovrebbe andare nella direzione di suggerire misure come:

-

l'utilizzo di piattaforme atte ad adeguare i metodi di insegnamento attraverso strumenti

didattici come le flipped classes, momenti di autoapprendimento in-distance individuali e

attività di apprendimento collettivo, mediante il rafforzamento degli strumenti e dei servizi

tecnologici complementari;

-

l'integrazione dei metodi didattici da parte dei docenti, che dovranno ricevere opportuno

supporto e formazione, specialmente per implementare l'utilizzo di metodologie didattiche

innovative in modo appropriato;

lo stanziamento di risorse aggiuntive adeguate a perseguire questi obiettivi.

Si ritiene necessario, infatti, dare seguito agli investimenti nell'ambito della digitalizzazione

impiegati negli ultimi due anni, col fine di rendere la didattica più innovativa, inclusiva e non

vanificare i passi in avanti operati in termini di innovazione digitale.

Si ritiene, dunque, opportuno:

-

prevedere il mantenimento delle attività a distanza quali: ricevimento docenti; servizi di

segreteria; accesso al materiale bibliografico, come supporto costante, e non opzionale.
Questi servizi sono da intendersi integrativi rispetto alle modalità di erogazione in front office ordinarie, a tal fine è necessario un potenziamento delle risorse umane e tecniche; che sia garantita la possibilità di continuare a seguire le lezioni online con la graduale riapertura delle sedi universitarie;

-

Infine, si ritiene opportuno monitorare il livello di utilizzo di queste nuove modalità da parte delle Università, con il contributo di questo Consiglio, per poterne valutare l'effettiva efficacia.

 

Il Presidente

Luigi Leone Chiapparino

 

 



Versione pdf del documento