Emblema della Repubblica Italiana

Consiglio Nazionale degli
Studenti Universitari

Ministero dell'Università e della Ricerca

2016-2019

Indice della pagina


  • Home pageMozioni2019Mozione relativa alla sostenibilità ambientale negli Atenei italiani e nei servizi di diritto allo studio

8 maggio 2019

 

Roma,  17 aprile 2019

 

Alla cortese attenzione

dell'On. Ministro

prof.  Marco Bussetti

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

dell'On. Vice Ministro

dott. Lorenzo Fioramonti

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

e p.c.

 

Al Capo Dipartimento

prof. Giuseppe Valditara

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

Al Direttore Generale

dott.ssa Maria Letizia Melina

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

Al Presidente

prof. Gaetano Manfredi

Conferenza dei Rettori delle Università Italiane

Al Presidente

prof. Luigino Filice

Associazione Nazionale degli organismi per il Diritto allo Studio Universitario

LORO SEDI

 

OGGETTO: MOZIONE RELATIVA ALLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE NEGLI ATENEI ITALIANI E NEI SERVIZI DI DIRITTO ALLO STUDIO

Adunanza del 17 aprile 2019

 

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

 

VISTA "L'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile" sottoscritta nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell'ONU, che prevede un vasto programma d'azione per gli stati, le istituzioni, le persone, che si articola in 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile - Sustainable Development Goals, SDGs, per un totale di 169 'target' o traguardi, che guideranno il mondo sulla strada da percorrere nell'arco dei prossimi 15 anni;

 

VISTA la comunicazione della Commissione europea "Politica integrata dei prodotti, sviluppare il concetto di ciclo di vita ambientale" e, in ottemperanza del comma 1126, articolo 1, della legge 296/2006 (legge finanziaria 2007), il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha elaborato, attraverso un ampio processo di consultazione con enti locali e parti interessate e con la collaborazione degli altri Ministeri competenti e degli enti e strutture tecniche di supporto (CONSIP, ENEA, ISPRA, ARPA), il "Piano d'azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione";

 

VISTA la Legge 19 agosto 2016, n. 166, "Disposizioni concernenti la donazione e la distribuzione di prodotti alimentari e farmaceutici a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi";

 

VISTO il Decreto legislativo n.102/2014 recante "Attuazione della direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE"

 

CONSIDERATA la grande mobilitazione "Fridays For Future" del 15 marzo 2019 che ha visto mobilitarsi centinaia di migliaia di studenti, non solo universitari, insieme a professori, ricercatori, scienziati e molte altre componenti della società civile al di fuori del mondo dell'istruzione;

 

RICHIAMATA la mozione del CNSU precedentemente approvata il 13 marzo 2019 avente ad oggetto "MOZIONE CONVENZIONE AMBIENTE PLASTIC FREE";

 

OSSERVATO che il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Marco Bussetti e il Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Sergio Costa hanno sottoscritto un Protocollo d'intesa per l'Educazione ambientale, rivolto alle scuole di ogni ordine e grado, che prevede la realizzazione di un Piano nazionale per l'Educazione ambientale.

 

RITIENE

 

Che le Università debbano avere un ruolo nel processo di transizione verso una società sostenibile: promuovendo e organizzando l'istruzione superiore e la ricerca scientifica, nonché il trasferimento delle conoscenze sul territorio, infatti, gli Atenei possono contribuire alla creazione di nuovi modelli di sviluppo sociale, culturale, scientifico-tecnologico ed economico.

 

CHIEDE

 

Che il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, di concerto con la CRUI, il CNSU, l'ANDISU e il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, si attivi per realizzare un percorso di sostenibilità ambientale negli atenei italiani. Serve, infatti, favorire la riconversione energetica, riducendo l'impronta carbonica, agendo in favore di fonti energetiche rinnovabili e progetti di mobilità sostenibile.

 

Che sia favorita una corretta informazione sull'utilizzo delle risorse, il riuso e riciclo dei prodotti, la riduzione dei consumi, il miglioramento del livello dell'edilizia e l'introduzione di sistemi gestionali sostenibili, come ad esempio: la raccolta differenziata, l'utilizzo di lampade a basso consumo, installazione ove possibile i sensori di movimento per l'illuminazione, la devoluzione del cibo avanzato nelle mense e nei ristoranti convenzionati ad associazioni ONLUS, distributori di acqua pubblica.

Che siano messe a sistema le politiche e le attività già in essere nei diversi ambiti della sostenibilità e che siano definiti gli impegni, gli obiettivi di sostenibilità delle Università italiane e le contestuali misure da attuare. In particolare che il Ministero si attivi per richiedere la Valutazione Impatto Ambientale (VIA) delle università e incentivi gli accorgimenti per l'adeguamento ambientale.

 

 

La Presidente

Anna Azzalin



Versione pdf del documento