Emblema della Repubblica Italiana

Consiglio Nazionale degli
Studenti Universitari

Ministero dell'Università e della Ricerca

2016-2019

Indice della pagina



16 novembre 2016

 

 

 

 

 

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari

 

 

Roma, 16 novembre 2016

 

Alla cortese attenzione

dell'On. Ministro

prof.ssa Stefania Giannini

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

e p.c.

Al Capo Dipartimento

prof. Marco Mancini

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

Al Direttore Generale

dott.ssa Maria Letizia Melina

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

LORO SEDI

 

OGGETTO: ABROGAZIONE DELLE "CATTEDRE NATTA" E COLLOCAMENTO DELLE RELATIVE RISORSE

 

Adunanza n. 2  del 15 e 16 novembre 2016

 

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

 

VISTO il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri istituito ai sensi dell'art. 1, commi 207-212, della legge 28 dicembre 2015, n. 208;

VISTO il parere del Consiglio di Stato del 4 novembre 2016 n.2303;

VISTA la mozione inoltrata dal Consiglio Universitario Nazionale in data 19 ottobre 2016 al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca con Prot. n.ro 0024459;

VISTO il piano straordinario 2016 per il reclutamento dei ricercatori nella l. 240/210;

CONSIDERATO che il decreto in oggetto istituisce una procedura di selezione dei docenti in deroga all'abilitazione scientifica nazionale;

CONSIDERATO il mancato coinvolgimento delle componenti accademiche interessate e dei loro soggetti di riferimento;

CONSIDERATO lo stato di sottofinanziamento del sistema universitario italiano.

 

CHIEDE

L'abrogazione dei commi 207, 208, 209, 210, 211 e 212 della Legge 28 dicembre 2015, n. 208 (Legge di stabilità 2016) e il contestuale ricollocamento delle risorse con finalità di reclutamento secondo le procedure ordinarie e straordinarie previste dall'articolo 24 comma 3, lettera b della l. 240/2010.

 

Il Presidente

Anna Azzalin



Versione pdf del documento