Emblema della Repubblica Italiana

Consiglio Nazionale degli
Studenti Universitari

Ministero dell'Università e della Ricerca

2016-2019

Indice della pagina


  • Home pageMozioni2015Mozione sugli obiettivi in materia di Diritto allo Studio Universitario contenuti nel Programma nazionale di riforma del DEF 2015 e sulla copertura totale degli studenti idonei alla borsa di studio

8 maggio 2015

Roma, 8 Maggio 2015

 

Alla cortese attenzione

dell'On. Ministro

prof.ssa Stefania Giannini

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

e p.c.

Al Capo Dipartimento

Prof. Marco Mancini

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

Egr. Direttore Generale

dott. Mario Alì

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

Egr. Direttore Generale

dott. Michele Moretta

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

SEDE

 

 

Oggetto: Mozione sugli obiettivi in materia di Diritto allo Studio Universitario contenuti nel Programma nazionale di riforma del DEF 2015 e sulla copertura totale degli studenti idonei alla borsa di studio

 

 

Adunanza n.13 del 7 e 8 maggio 2015

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

ADOTTA A MAGGIORANZA LA SEGUENTE MOZIONE

 

VISTO il DPCM del 9 aprile 2001 "Uniformità di trattamento sul diritto agli studi universitari, ai sensi dell'articolo 4 della legge 2 dicembre 1991, n. 390"

 

VISTO il Decreto legislativo n. 68 del 29 marzo 2012 "Revisione della normativa di principio in materia di diritto allo studio e valorizzazione dei collegi universitari legalmente riconosciuti, in attuazione della delega prevista dall'articolo 5, comma 1, lettere a), secondo periodo, e d), della legge 30 dicembre 2010, n. 240, e secondo i principi e i criteri direttivi stabiliti al comma 3, lettera f), e al comma 6"

 

VISTO il Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze 106303 del 27 dicembre 2013, di ripartizione in capitoli, che reca in corrispondenza del capitolo 1710 "Fondo Integrativo per la concessione di borse di studio" un importo pari a €162.666.308 per l'Anno 2014.

 

VISTA la Legge n.191 del 23 Dicembre 2014 "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2015 e bilancio pluriennale per il triennio 2015-2017" che all'Articolo 7 "Stato di previsione del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e disposizioni relative" reca in corrispondenza del capitolo 1710 "Fondo Integrativo per la concessione di borse di studio" un importo pari a €162.064.548 per l'Anno 2015.

 

VISTO il Documento di Economia e Finanza 2015, in cui alla sezione III - "Programma Nazionale di Riforma", si individuano tra le linee programmatiche del Governo in materia di Diritto allo Studio Universitario l'"aumento dell'impatto delle misure di diritto allo studio", il "rafforzamento dello strumento dei prestiti d'onore", " l'approvazione dei nuovi Livelli Essenziali delle Prestazioni (LEP"), e l'accentuazione dei "fattori meritocratici nelle assegnazioni delle borse".

 

CONSIDERATO che il numero di studenti idonei non beneficiari, come risulta anche dallo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante il riparto del fondo di intervento integrativo per la concessione di prestiti d'onore e l'erogazione di borse di studio per l'anno 2014, è stato pari a 46.167 per l'anno 2013/2014, il 25,7% degli idonei totali e in crescita del 5% rispetto al dato del 2012/2013.

 

RITENUTO che le risorse attualmente previste nello specifico capitolo di bilancio del MIUR non saranno sufficienti alla copertura totale delle borse di studio per gli studenti idonei.

 

RITENUTO che, alla luce di quanto indicato nel DEF 2015, il rafforzamento dello strumento dei prestiti d'onore e l'inasprimento dei criteri di merito per l'accesso e il mantenimento della borsa di studio non sono gli strumenti corretti per garantire realmente il Diritto allo Studio in Italia.

 

CHIEDE

 

Che venga al più presto programmato un incontro durante cui il Ministro possa informare il CNSU riguardo le politiche che effettivamente intende realizzare nel 2015 in materia di Diritto allo Studio Universitario. In particolare, alla luce di quanto indicato nel DEF 2015, si chiede che il Ministero faccia chiarezza in merito all'entità dei finanziamenti, alla definizione dei LEP previsti dal Dlgs 68/2012 e all'eventualità paventata di rafforzare lo strumento dei prestiti d'onore e inasprire i criteri di merito per l'accesso e il mantenimento della borsa di studio.

 

Che per l'anno 2015 il Fondo integrativo statale per la concessione di borse di studio venga integrato con risorse sufficienti a coprire le borse di tutti gli studenti risultati idonei nelle relative graduatorie.

 

 

 

Il Presidente

Andrea Fiorini



Versione pdf del documento