Emblema della Repubblica Italiana

Consiglio Nazionale degli
Studenti Universitari

Ministero dell'Università e della Ricerca

2016-2019

Indice della pagina



27 novembre 2013

Alla c.a. Ministro
Prof. Maria Chiara CARROZZA
Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca

E p.c.

Capo di Gabinetto

Dott. Luigi Fiorentino

 

Direttore Generale
Dott. Daniele Livon

LORO SEDI

 

Oggetto: Mozione riguardante gli Itinerari di Formazione Attiva ordinari (TFA)

adunanza n. 3 del 26 e del 27 novembre 2013

 

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

ADOTTA ALL'UNANIMITÀ LA SEGUENTE MOZIONE


VISTO Il Decreto Ministeriale n. 249/2010 del 10 settembre 2010, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.24 il 31 gennaio 2011, concernente la "Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalità della formazione iniziale degli insegnanti della scuola dell'infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, ai sensi dell'articolo 2, comma 416, della legge 24 dicembre 2007, n. 244"

VISTO Il Decreto Ministeriale 93/2012 del 30 novembre 2012, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.291 il 14 dicembre 2012 avente ad oggetto la "Definizione delle modalità di accreditamento delle istituzioni scolastiche sedi di tirocinio, ai sensi dell'articolo 12 comma 3 del DM 249/2010"

VISTO La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n.155 del 4 luglio 2013 del "Regolamento recante modifiche al decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca", concernente la riforma della disciplina sul calcolo del numero complessivo dei posti annualmente disponibili per l'accesso ai percorsi di abilitazione per la professione di insegnante

VISTO La nota protocollare 549 del 28 febbraio 2013 relativa alle problematiche sollevate dall'attivazione e dallo svolgimento dei percorsi di abilitazione TFA, ex DM 249/2010

PRESO ATTO Della dichiarazione rilasciata dal Min. Carrozza il 7 agosto 2013 durante un'interrogazione parlamentare alla Camera dei Deputati di aver già preso contatti con il Ministero dell'Economia e delle Finanze per richiedere l'autorizzazione a bandire un nuovo ciclo di tirocinio formativo attivo ordinario nell'ordine di circa 29000 posti

 

RITIENE

Che sia quanto mai urgente una precisa normativa che distingua in maniera chiara l'abilitazione dal reclutamento effettivo, al fine di allineare il nostro sistema ai modelli adottati in ambito dei Paesi Membri dell'Unione Europea;

Che così per come è strutturato il Tirocinio di Formazione Attiva contenga troppi insegnamenti con un forte impianto accademico, sia ripetitivo delle nozioni imparate durante il ciclo universitario e contenga una sproporzione delle ore di teoria rispetto alle ore in classe, certamente più fondamentali per la formazione dell'insegnante e che dovrebbero contraddistinguere più di tutto il percorso abilitante alla docenza;

Che sia necessario provvedere ad una definizione pluriennale dei programmi delle prove e delle modalità di svolgimento del test preliminare, attualmente invece definiti annualmente con uno o più decreti del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (ai sensi dell'art. 15 comma 5 del Decreto Ministeriale n. 249/2010 del 10 settembre 2010, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.24 il 31 gennaio 2011);

CHIEDE

Che venga definito il fabbisogno docente per la scuola secondaria di primo e secondo grado affinché sia calcolato in modo razionale il numero dei posti del TFA per l'A.A. 2013-14, con le modifiche successive alla pubblicazione del Regolamento di modifica del D.M. 249/2010;

Che venga differenziato il punteggio attribuito successivamente alle differenti abilitazioni, affinché venga valorizzato maggiormente il percorso del TFA "ordinario";

Che vengano al più presto definite le date per il nuovo ciclo di Tirocinio Formativo Attivo ordinario relativo all' A.A. 2014/2015.

 

Il Presidente

Andrea Fiorini