Emblema della Repubblica Italiana

Consiglio Nazionale degli
Studenti Universitari

Ministero dell'Università e della Ricerca

2016-2019

Indice della pagina



27 novembre 2013

Alla c.a. Ministro
Prof. Maria Chiara CARROZZA
Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca

E p.c.

Capo di Gabinetto
Dott. Luigi FIORENTINO

Direttore Generale
Dott. Daniele LIVON

 

Oggetto: Mozione riguardante l'applicazione della Carta europea dei ricercatori

 

adunanza n. 3 del 26 e del 27 novembre 2013

 

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

ADOTTA A MAGGIORANZA LA SEGUENTE MOZIONE

 

CONSIDERATA la raccomandazione della Commissione Europea 2005/251 dell'11 marzo 2005 riguardante la Carta europea dei ricercatori e un Codice di condotta per l'assunzione dei ricercatori.

CONSIDERATO il paragrafo della suddetta Carta relativo al "Riconoscimento della professione" nella sezione "Principi generali e requisiti validi per i datori di lavoro e i finanziatori", il quale recita:
Tutti i ricercatori che hanno abbracciato la carriera di ricercatore devono essere riconosciuti come professionisti ed essere trattati di conseguenza. Si dovrebbe cominciare nella fase iniziale della carriera, ossia subito dopo la laurea, indipendentemente dalla classificazione a livello nazionale (ad esempio, impiegato, studente post-laurea, dottorando, titolare di dottorato-borsista, funzionario pubblico).

CONSIDERATA l'adozione all'unanimità di tale Carta e delle indicazioni in essa contenute da parte della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane presso l'Università di Camerino il 7 luglio 2005.

TENUTO CONTO che ad oggi nessuno degli atenei italiani e degli enti di ricerca pubblici ha formalmente adottato tale Carta nei propri Statuti, regolamenti e contratti di lavoro.

TENUTO CONTO che la normativa vigente che concerne l'accreditamento delle sedi di dottorato, la stipula di assegni di ricerca e di borse di ricerca post-doc entro gli atenei ed enti di ricerca  pubblici non fa riferimento all'adozione vincolante delle indicazioni contenute entro la suddetta  Carta.

TENUTO CONTO che il d.m. dell'8 febbraio 2013 n. 45 "Regolamento recante modalità di accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato e criteri per la istituzione dei corsi di dottorato da parte degli enti accreditati" non fa riferimento alcuno alla suddetta Carta.

CHIEDE

-Che si avvii un percorso condiviso con li CNSU per le modalità dell'applicazione della Carta europea al sistema universitario e a tutti gli enti di ricerca.

-Che il Ministro, come prima misura funzionale all'adozione e applicazione effettive della Carta, si impegni a determinare l'eliminazione delle tasse di iscrizione e frequenza per tutti i dottorandi delle università italiane.

 

 

Il Presidente

Andrea Fiorini