Emblema della Repubblica Italiana

Consiglio Nazionale degli
Studenti Universitari

Ministero dell'Università e della Ricerca

2016-2019

Indice della pagina



30 ottobre 2013

Prot. N. 22624
Roma, 30 ottobre 2013

 

Alla c.a. Ministro

On.le Prof.ssa. Maria Chiara Carrozza

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

E p. c. Direttore Generale

Dott. Daniele Livon

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

 

Oggetto: Esonero dalla TRISE per gli studenti universitari affittuari

adunanza n. 2 del 29 e del 30 ottobre 2013

 

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

ADOTTA ALL'UNANIMITÀ LA SEGUENTE MOZIONE:

 

 

CONSIDERATO che il Disegno di Legge di Stabilità 2014, agli artt. 19,20,21,22, ha istituito nell'ambito della riforma della tassazione immobiliare un nuovo tributo sui servizi comunali denominato TRISE (Tassa Rifiuti e Servizi);

- che la TRISE è articolata in due componenti: la prima componente, denominata TARI, assicura la copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento svolto in regime di privativa pubblica, ai sensi della vigente normativa ambientale; la seconda componente, denominata TASI, è finalizzata alla copertura dei costi relativi ai servizi indivisibili dei comuni;

- che la TRISE graverà sia sui proprietari sia sugli inquilini degli immobili, costituendo un'ulteriore spesa per  gli studenti universitari affittuari (fuori sede e non) di circa 279 € annui.

- che la componente della TASI, in quanto sostituisce l'IMU (Imposta Municipale Unica), va a gravare non solo sui proprietari degli immobili, ma dovrà essere pagata per una quota compresa tra il 10% e il 30% dagli inquilini;

 

 

ESPRIME

forte contrarietà all'istituzione della nuova tassa, vista l'incidenza negativa che ha sugli inquilini e in particolare sugli studenti affittuari (fuori sede e non)

CHIEDE

al Governo di esentare gli studenti universitari affittuari (fuori sede e non) dal pagamento della TRISE.

In particolare chiede:

- che la TARI venga pagata, in forma ridotta, dai proprietari degli immobili che stipulino un regolare contratto d'affitto.

- che, per la componente TASI, siano esonerati gli studenti universitari con contratto.

 

Il Presidente

Andrea Fiorini



Versione pdf del documento