Emblema della Repubblica Italiana

Consiglio Nazionale degli
Studenti Universitari

Ministero dell'Università e della Ricerca

2016-2019

Indice della pagina


  • Home pageMozioni2011Mozione riguardante la revisione del punteggio d'ingresso per studenti stranieri nelle Universita' italiane

29 settembre 2011

Prot. n. 55
Spedito il 29 settembre 2011

Roma, 29 settembre 2011

Alla c.a.
Ministro On.le Avv. Mariastella GELMINI
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

E p.c.
Direttore Generale
Dott. Daniele LIVON

Direttore Generale
Dott. Luciano CHIAPPETTA
Capo Dipartimento
Prof. Giovanni BIONDI
SEDE

Oggetto:   Mozione riguardante la revisione del punteggio d'ingresso per studenti stranieri nelle Universita' italiane

Alla luce dei recenti test d'ingresso alle Facoltà di Medicina delle Università italiane, si possono riscontrare che i risultati conseguiti dai partecipanti stranieri, in termini di ammissione, sono gravemente al di sotto delle aspettative.
Questo risultato (50 studenti idonei sui circa 2000 che hanno sostenuto il test) è dovuto principalmente alla estrema selettività delle 40 domande che premiavano conoscenze di Cultura generale,  che difficilmente un giovane cresciuto all'estero poteva preparare.
Questa selettivita' ha lasciato vacanti diversi posti riservati per legge agli studenti stranieri, creando un forte danno per quest'ultimi e quindi per l'intera comunità studentesca italiana.
Gli studenti stranieri che sostengono il test di ammissione nelle Universita' italiane investono, in questo loro obiettivo, diversi mesi e ingenti risorse economiche a causa dei farraginosi requisiti posti solo per poter partecipare ai concorsi. 
Allo stesso tempo, gli studenti stranieri offrono importanti opportunita' di confronto tra i colleghi dei diversi Paesi, creando un dinamismo e un fermento culturale che eleva l'intera Comunita' studentesca.

SI AUSPICA PERTANTO
di rivedere, per l'anno venturo, il punteggio d'ingresso per gli studenti stranieri nelle Universita' italiane, abbassando la soglia minima, garantendo, in questo modo, la copertura dei posti gia' riservati.
Si chiede, inoltre, che venga verificata la fattibilità giuridica dell'ipotesi di applicare quanto chiesto per l'anno venturo anche per l'anno in corso.

Il Presidente
Mattia Sogaro



Versione pdf del documento