Emblema della Repubblica Italiana

Consiglio Nazionale degli
Studenti Universitari

Ministero dell'Università e della Ricerca

2022-2025

Indice della pagina


  • Home pageDocumenti2023Proposta di revisione dell’art. 16 del Decreto-legge 30 marzo 2023, n. 34 “Disposizioni in materia di contrasto agli episodi di violenza nei confronti del personale sanitario”

19 maggio 2023

 

Roma, 19 maggio 2023

 

Alla cortese attenzione

 

dell'On. Ministro

prof.ssa Anna Maria Bernini

Ministero dell'Università e della Ricerca

gabinetto@pec.mur.gov.it

 

 

dell'On. Ministro

Prof. Orazio Schillaci

Ministro della Salute

gab@postacert.sanita.it

 

e, p.c.:             Al Segretario Generale

Cons. Francesca Gagliarducci

Ministero dell'Università e della Ricerca

segretariatogenerale@mur.gov.it

 

Alla Direzione generale
degli ordinamenti della formazione superiore e del diritto allo studio

dott. Gianluca Cerracchio

Ministero dell'Università e della Ricerca

dgordinamenti@pec.mur.gov.it

 

 

 

LORO SEDI

Oggetto: Proposta di revisione dell'art. 16 del Decreto-legge 30 marzo 2023, n. 34 "Disposizioni in materia di contrasto agli episodi di violenza nei confronti del personale sanitario"

 

Adunanza del 18-19 maggio 2023

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

 

su proposta dei Consiglieri Gioele Giachino, Giovanni Pio Oliverio e Luca Torlai, afferenti al gruppo consiliare "Primavera degli Studenti"

 

VISTO L'Art. 16 del DECRETO-LEGGE 30 marzo 2023, n. 34 "Disposizioni in materia di contrasto agli episodi di violenza nei confronti del personale sanitario" che dispone modifiche all' Art. 583-quater del codice penale;

 

VISTO l'Art. 583-quater del codice penale che legifera quanto segue "Nell'ipotesi di lesioni cagionate al personale esercente una professione sanitaria o socio-sanitaria nell'esercizio o a causa delle funzioni o del servizio, nonché' a chiunque svolga attività ausiliarie di cura, assistenza sanitaria o soccorso, funzionali allo svolgimento di dette professioni, nell'esercizio o a causa di tali attività, si applica la reclusione da due a cinque anni. In caso di lesioni personali gravi o gravissime si applicano le pene di' cui al comma primo";

 

CONSIDERATO che i dati sugli infortuni sul lavoro - accertati dall'Inail - e codificati come aggressioni e minacce nei confronti del personale sanitario, nel triennio 2019-2021 sono stati oltre 4.800;

 

PRESO ATTO che gli studenti durante il loro percorso formativo svolgono finanche 1800 ore di attività di tirocinio curriculare nei vari reparti ospedalieri (riferimento ai piani di studi del CdS in Infermieristica, CdLM in Medicina e Chirurgia);

 

RITENUTO che la norma di cui sopra non garantisce la medesima tutela agli studenti in formazione nonostante il monte ore previsto;

 

CHIEDE

 

Che venga presa in considerazione la proposta di revisione del Decreto-legge del 30 marzo 2023, n. 34 - di cui all'art. 16 - "Disposizioni in materia di contrasto agli  episodi  di  violenza  nei confronti del personale sanitario" con l'obiettivo di inserire tra il personale sanitario e socio-sanitario anche gli studenti iscritti ai Corsi di Studi e Corsi di Laurea Magistrale che svolgono attività formative in strutture sanitarie affinché possano essere tutelati nello svolgimento delle attività stesse.

 

La Presidente

Alessia Conti



Versione pdf del documento