Emblema della Repubblica Italiana

Consiglio Nazionale degli
Studenti Universitari

Ministero dell'Università e della Ricerca

2016-2019

Indice della pagina


  • Home pageDocumenti2017Inclusione della Laurea Magistrale a ciclo unico nella NO TAX AREA della Legge di Stabilità 2017

15 marzo 2017

Roma, 9 marzo 2017

 

Alla cortese attenzione

dell'On. Ministro

Sen. Valeria Fedeli

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

e p.c.

 

Al Capo Dipartimento

prof. Marco Mancini

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

Al Direttore Generale

dott.ssa Maria Letizia Melina

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

LORO SEDI

 

OGGETTO: INCLUSIONE DELLA LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO NELLA NO TAX AREA DELLA LEGGE DI STABILITÁ 2017

Adunanza n. 5 del 9 e 10 marzo 2017

 

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

 

CONSIDERATO l'art. 252 del testo definitivo della Legge di Stabilità 2017, approvata l'11 dicembre 2016, che recita "Gli studenti dei corsi di laurea e di laurea magistrale delle università statali contribuiscono alla copertura dei costi dei servizi didattici, scientifici e amministrativi mediante un contributo onnicomprensivo annuale, anche differenziato tra i diversi corsi di laurea e di laurea magistrale, da versare all'università alla quale sono iscritti. [...]";

EVIDENZIATO che la laurea magistrale, ai sensi della legge 270/04, è un titolo accademico di secondo livello e che può essere conseguito al termine di corsi biennali a cui si può accedere se in possesso di laurea triennale,oppure può essere a ciclo unico, di cinque o sei anni;

CONSIDERATO che nell'art. 252 della Legge di Stabilità non viene espressamente citata la Laurea Magistrale a Ciclo Unico (LMCU), anche se è definita come titolo di secondo livello, ma conseguibile al termine di corsi di durata pari a cinque anni, o sei (unicamente per quelle in Medicina e chirurgia,e Odontoiatria e protesi dentaria);

RITENENDO che si possano riscontrare incomprensioni dovute al vizio di forma, al fine di evitare esclusioni, anche rispetto alle disposizioni previste dagli articoli successivi, per chi intraprende una LMCU;

CONSIDERATO che l'art. 252 prescrive agli Atenei di adeguarsi alle disposizioni ivi previste entro il 31 marzo 2017;

CONSIDERATO che entro il 31 marzo è noto, per tutte le Regioni, il numero degli studenti idonei alla borsa di studio, in base al quale si effettuerà la ripartizione del fondo finalizzato a coprire le misure previste dall'art. 252 della Legge di Stabilità 2017;

TENUTO CONTO dell'art. 252 della legge sopracitata, che non specifica la tipologia della LMCU.

CHIEDE

 

Che le università adeguino i loro regolamenti in materia di contribuzione studentesca in modo da non escludere dalla norma citata gli studenti di laurea magistrale a ciclo unico.

Al MIUR di definire immediatamente la ripartizione del fondo di 55 MLN spettanti a ciascun Ateneo, destinati a coprire tali interventi e una proroga di trenta giorni per gli atenei rispetto al termine fissato al 31 marzo.

 

Il Presidente

Anna Azzalin



Versione pdf del documento