Emblema della Repubblica Italiana

Consiglio Nazionale degli
Studenti Universitari

Ministero dell'Università e della Ricerca

2016-2019

Indice della pagina


  • Home pageDocumenti2015Interrogazione relativa alla legislazione vigente sul “credito di imposta” per il finanziamento di borse di studio

5 marzo 2015

Alla c.a. Ministro

On. Stefania Giannini

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

E p.c. Direttore Generale

dott. Mario Alì

 

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

LORO SEDI

 

Adunanza n.12 del 4 e 5 marzo 2015

 

Oggetto: Interrogazione relativa alla legislazione vigente sul "credito di imposta" per il finanziamento di borse di studio

 

VISTO

- L'articolo 34 della costituzione italiana che recita: "I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi."

- La legge di stabilità del 2015.

- La legge di stabilità del 2013 che nell'articolo 1 commi 285-286 recita nel seguente modo:

"(285) E' istituito un credito d'imposta a favore  dei  soggetti  che erogano borse di studio in favore degli studenti delle Università di cui all'articolo 1, comma 1, lettera b), del decreto  legislativo  29 marzo 2012, n. 68, nei limiti e con le modalita' previste  nei  commi 286 e 287.

(286) Con  successivo   decreto   del   Ministro   dell'istruzione, dell'universita'  e  della  ricerca,  di  concerto  con  il  Ministro dell'economia  e  delle  finanze  sono   definiti   i   criteri   per l'attribuzione dei benefici nei limiti di cui al comma 287."

 

CONSIDERATO

 

- La generale situazione di sofferenza in cui versa il Diritto allo Studio in Italia, a causa dei pesanti definanziamenti degli ultimi anni.

- La necessità di attivare, vista la situazione complessiva, tutte le modalità possibili atte a recuperare fondi e risorse utili al finanziamento del Diritto allo Studio, provenienti anche da imprese o da altri enti privati.

- Che nonostante tale evidente necessità e il fatto che il fondo fosse già previsto nella legge di stabilità del 2013, non sono mai stati posti in essere i decreti attuativi nei seguenti due anni, impedendone quindi qualsiasi applicazione.

- Che nella legge di stabilità relativa all'anno 2015, la normativa relativa al "credito d'imposta" - unica vera agevolazione all'erogazione di borse di studio da parte di soggetti privati attraverso l'applicazione di un fondo di credito d'imposta - non è stata riproposta.

I Consiglieri Nazionali del CNSU firmatari della seguente interrogazione al Ministero

I Consiglieri Nazionali del CNSU firmatari della seguente interrogazione al Ministro

CHIEDONO

- Di chiarire perché il fondo del credito d'imposta non sia di fatto mai stato attivato nel periodo 2013-2014 a causa della mancata emanazione del decreto attuativo di cui al comma 286 art. 1 della legge di stabilità del 2013, nonostante il MIUR e il MEF si fossero impegnati a tale fine;

- Di chiarire perché nella Legge di stabilità del 2015 non sia stata reinserita la presenza di un fondo di credito d'imposta per soggetti che erogano borse di studio in favore degli studenti delle Università;



Versione pdf del documento