Emblema della Repubblica Italiana

Consiglio Nazionale degli
Studenti Universitari

Ministero dell'Università e della Ricerca

2016-2019

Indice della pagina


  • Home pageDocumenti2015Interrogazione riguardo lo stato dell’accreditamento della Scuola regionale per la valorizzazione dei Beni Culturali di Botticino e dalla Scuola di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali di Villa Manin di Passariano

5 marzo 2015

Alla c.a. Ministro

On. Stefania Giannini

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

e alla c.a. Ministro

On. Dario Franceschini

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

 

E p.c. Direttore Generale

dott. Mario Alì

 

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

SEDE

 

Oggetto: Interrogazione riguardo lo stato dell'accreditamento della Scuola regionale per la valorizzazione dei Beni Culturali di Botticino e dalla Scuola di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali di Villa Manin di Passariano

 

Adunanza n. 12 del 4 e 5 marzo 2015

VISTO l'articolo 29, comma 11 del Codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al d.lgs. n. 42 del 22 gennaio 2004, il quale stabilisce che "mediante appositi accordi o intese il Ministero e le regioni, anche con il concorso delle università e di altri soggetti pubblici e privati, possono instituire congiuntamente centri, anche a carattere interregionale, dotati di personalità giuridica, cui affidare attività di ricerca, sperimentazione, studio, documentazione ed attuazione di interventi di conservazione e restauro sui beni culturali, di particolare complessità. Presso tali centri possono essere altresì istituite, ai sensi del comma 9, scuole di alta formazione per l'insegnamento del restauro."

VISTO l'articolo 29, commi 8 e 9 del Codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al d.lgs. n. 42 del 22 gennaio 2004 e successive modificazioni, i quali stabiliscono che "l'insegnamento del restauro è impartito dalle scuole di alta formazione e di studio istituite ai sensi dell'articolo 9 del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, nonché dai centri di cui al comma 11 e dagli altri soggetti pubblici e privati accreditati presso lo Stato" e che il titolo accademico rilasciato a seguito dell'esame finale, avente valore di esame di Stato abilitante alla professione di restauratore "è equiparato al diploma di laurea specialistica o magistrale";

VISTO il conseguente D.I. del 26 maggio 2009, n.87 avente ad oggetto "Regolamento concernente la definizione dei criteri e livelli di qualità cui si adegua l'insegnamento del restauro, nonché delle modalità di accreditamento, dei requisiti minimi organizzativi e di funzionamento dei soggetti che impartiscono tale insegnamento, delle modalità della vigilanza sullo svolgimento delle attività didattiche e dell'esame finale, del titolo accademico rilasciato a seguito del superamento di detto esame, ai sensi dell'articolo 29, commi 8 e 9, del Codice dei beni culturali e del paesaggio";

VISTO il D.I. 2.03.2011 che definisce la classe di laurea magistrale a ciclo unico in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali - LMR/02;

VISTO il parere favorevole all'accreditamento espresso dalla "Commissione Tecnica per le attività istruttorie finalizzate all'accreditamento delle istituzioni formative e per la vigilanza sull'insegnamento del restauro" in ordine all'istituzione ed all'attivazione dei corsi di formazione dei restauratori conseguito dalla Scuola regionale per la valorizzazione dei Beni Culturali di Botticino in data 11/02/2013 e dalla Scuola di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali di Villa Manin di Passariano (Percorso Formativo Professionalizzante n. 5: Corso quinquennale a ciclo unico per restauratori di beni culturali, specializzazione in materiale librario e archivistico, manufatti cartacei e pergamenacei, materiale fotografico, cinematografico e digitale) in data 18/10/2011  (come riportato nell' "Elenco aggiornato delle istituzioni formative in restauro" pubblicato nel sito del Mibact);

CONSIDERATO che la Scuola regionale per la valorizzazione dei Beni Culturali di Botticino ha attivato i corsi a ciclo unico quinquennale già dall' A.A. 2013-2014 e che la Scuola di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali di Villa Manin di Passariano ha attivato il corso quinquennale a ciclo unico (Percorso Formativo Professionalizzante n. 5) già a partire dall'anno 2006.

CONSIDERATO che la Scuola di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali di Villa Manin di Passariano è giunta alla conclusione del I corso quinquennale di studi in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali sostenendo in data 21-22-23/03/2013 l'esame finale svoltosi di fronte a una commissione d'esame regolarmente costituita, come indicato dalla normativa, da quattro membri designati ufficialmente da MiBACT e MIUR (Rest. Lucilla Nuccetelli, Rest. Eugenio Veca, Prof. Neil Anthony Cameron Harris, Prof. Giampietro Adami) e il conseguente ottenimento di regolare certificato di diploma equiparato a laurea magistrale, rilasciato dalla regione Friuli Venezia Giulia sulla base dei D.M 26 maggio 2009, n.87, D.L 2 marzo 2011;

RITENUTO che il citato D.I. del 26 maggio 2009, n.87 è ancora inattuato nella parte in cui, all'articolo 5 comma 5, stabilisce che "l'accreditamento è disposto, con riferimento ai corsi formativi da svolgere, mediante decreto del Ministro per i Beni e le Attività culturali, di concerto con il Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca";

OSSERVATO, infine, che l'On. Dario Franceschini, Ministro per i Beni e le Attività Culturali, il MiBACT, il MIUR, l'Avv. Dott.ssa Debora Serracchiani Presidentessa della Regione Friuli Venezia Giulia, la dott.ssa Marisa Dalai Emiliani Presidentessa della Commissione Tecnica Ministeriale, il dott. Marco Mancini, la dott.ssa. Antonia Pasqua Recchia sono stati contattati ed informati della situazione mediante lettera;

CHIEDE ALL'ON. MINISTRO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO E ALL'ON. MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

 

- di garantire la validità dei titoli rilasciati dalla Scuola regionale per la valorizzazione dei Beni Culturali di Botticino e dalla Scuola di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali di Villa Manin di Passariano, con la ratifica del parere espresso dalla Commissione Tecnica di Accreditamento per l'attivazione dei corsi attraverso l'emanazione del "Decreto congiunto MIBACT - MIUR". Tale ratifica si rifarà ai decreti interministeriali già emanati in data 25 agosto 2014 per le Scuole d'Alta Formazione (pubblicazione in data 5 settembre 2014 sul sito del MIBACT);

- nello specifico per il percorso PFP5 svolto dalla Scuola di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali di Villa Manin di Passariano, si richiede che tale decreto certifichi quanto sottoscritto dai membri della commissione in sede d'esame nel marzo 2013, ovvero che tale prova regolarmente sostenuta dagli studenti ha valore di Esame di Stato, abilitante all' esercizio della professione di Restauratore di Beni Culturali (D. Lgs 22/01/04, n.42).

- di portare a termine nel più breve tempo possibile e comunque insindacabilmente entro l'anno corrente l'iter amministrativo di equiparazione al diploma di laurea magistrale dei titoli rilasciati dalla Scuola regionale per la valorizzazione dei Beni Culturali di Botticino e dalla Scuola di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali di Villa Manin di Passariano, a tutela degli studenti dei suddetti corsi di studi a ciclo unico in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali.

 

Con la massima osservanza.

 

I Consiglieri:

Fabio Cacciapuoti

Luca Santolamazza

Caterina Chiocchetta

Erica Garrone



Versione pdf del documento